NAUSICA WEB Vers.2.0 A.S. MMVIII
   
     
  V.It V.Jap V.Fra V.Spa V.Uk V.De  
     
Home : Nausica Opera : Mission : Artisti : Sedi Contatti : Stampa :  Recensioni  : Guestbook : Associati e Soci : Motore Ricerca : Terzo Settore
 
 
Tosca - 7 Ottobre 2009 Rocca Meli Lupi Soragna

LEGGE IT 383 APS








Info APS Provincia PR


Personalità Giuridica

Parma Cultura

NEWS Nausica

CALENDARIO N.O.I.

FOTO Nausica

ARCHIVIO Nausica

ASSOCIATI N.O.I.

SERVIZI Nausica

PROGETTI Nausica

ARTISTI Nausica 

AUDIZIONI Nausica

WEBZINE Nausica

Parma Cultura

Info TS Prov. Piacenza

Info TS Prov. Parma

Info TS Prov. Reggio E.

Info TS Prov. Modena

Info TS Prov. Bologna

Info TS Prov. Ferrara

Info TS Prov. Ravenna

Info TS Prov. Forlì Cesena

Info TS Prov. Rimini

ALBO REGIONALE

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

NO PROFIT ITALIA

FORUM Solidarietà

Uf. Stampa Com. PR

VITA Non Profit

BARRIERE ARCH.

Assicurazioni

Sicurezza Ambienti P.

EMPALS

S.I.A.E.

AGENZIA ENTRATE


Verdi Festival 2009

 
Info Barriere Architettoniche
 

Informazioni tratte dal (DPR 24 luglio 1996, n. 503) Eliminazione delle barriere architettoniche in spazi pubblici

SPAZI PER RIUNIONI E SPETTACOLI
Con questa definizione si individuano tipologie edilizie ben definite come teatri, cinema, auditori, ma anche ambienti meno caratterizzati destinati più in generale ad attività ricreative sia all'aperto che al chiuso, temporanei o permanenti, compresi i circoli privati.
Gli spazi per riunioni e spettacoli devono essere VISITABILI. Tale requisito è soddisfatto se risultano accessibili:
* gli spazi esterni, ovvero almeno un percorso di collegamento dalla viabilità pubblica fino all'accesso dell'edificio;
* ove previsti, quota parte del posti auto, in parcheggio o autorimessa di pertinenza dell'edificio;
* almeno una zona riservata al pubblico, come specificato ai successivi punti 1 e 2;
* almeno un servizio igienico;
* ove previsti, il palco, palcoscenico e almeno un camerino/spogliatoio con relativo servizio igienico;
* nei casi di interventi in edifici esistenti, ove si presenti un'effettiva impossibilità per il superamento di elementi di ostacolo (ad esempio per il grave pregiudizio di ambienti vincolati), deve essere garantito il requisito di VISITABILITA’ CONDIZIONATA mediante l'apposizione, in prossimità dell'accesso, di un pulsante di chiamata con l'apposito simbolo internazionale di accessibilità, al fine di consentire una fruizione assistita.
1. SALE CON POSTI A SEDERE - Nel caso di sale con posti a sedere, si devono prevedere, in prossimità delle vie di esodo o di un luogo sicuro statico:
* 2 posti riservati ogni 400 o frazione di 400 posti, con un minimo di 2, per persone con ridotte capacità motorie;
* 2 spazi liberi su pavimento orizzontale, ogni 400 o frazione di 400 posti, con un minimo di 2, riservati a persone su sedia a ruote, dimensionati in modo tale da consentirne la manovra e lo stazionamento. IN PARTICOLARE In relazione al recente sviluppo delle multi sale cinematografiche, seppure l'applicazione della normativa richieda un servizio igienico accessibile per ogni sala, si ritiene sufficiente garantire la facile raggiungibilità di un solo servizio igienico accessibile posto in posizione comune a tutte le sale.

2. ALTRI LUOGHI PRIVI DI POSTI FISSI -
Nel caso di ambienti di spettacolo non propriamente identificabili come sale con posti a sedere e non compresi nei casi individuati al punto precedente, occorre prevedere più in generale una zona agevolmente raggiungibile da persona disabile, ubicata in prossimità delle vie di esodo o di un "luogo sicuro statico".

PERCORSI ESTERNI
Negli spazi esterni di pertinenza di edifici pubblici e privati deve essere garantito almeno un percorso di collegamento fino all'accesso dell'edificio agevolmente fruibile anche da parte di persone con ridotta o impedita capacità motoria, tale da consentire anche l'utilizzo dei servizi annessi posti all'esterno (come parcheggi ecc.). All'interno di spazi pubblici o aperti al pubblico a carattere pedonale, come piazze, giardini pubblici, parchi, deve essere garantito almeno un percorso accessibile per la fruizione ambientale.
1. Larghezza
* larghezza minima di 90 cm, per il transito di una sedia a ruote
* per una larghezza inferiore a 150 cm si devono prevedere, almeno ogni 10 m, spazi per l'inversione di marcia o l'incrocio di sedia a ruote.
2. Lunghezza pendenza
Qualora il percorso non sia in piano, la lunghezza massima consentita è in funzione della pendenza prevista:
* la pendenza deve essere di norma pari al 5%. In tale caso, ogni 15 m di percorso, devono essere previsti ripiani di sosta di lunghezza minima di 150 cm
* in presenza di assetti, vincoli ed elementi preesistenti, è consentita una pendenza superiore. In tale caso l'intervallo fra due ripiani consecutivi deve ridursi proporzionalmente
* la pendenza trasversale massima è pari all'1%
ATTENZIONE! Si fa presente che i percorsi esterni con pendenza superiore al 5% sono propriamente assimilabili alle rampe, intese come collegamento verticale e devono quindi essere dotati di opportuni accorgimenti.
3. Cambi di direzione
Il percorso deve avere preferibilmente un andamento semplice e regolare:
* tutti i cambi di direzione devono avvenire in piano
* le svolte a 90° devono avvenire in piano, all'interno di uno spazio di dimensione minima di 170 cm su entrambi i lati esterni.
4. Ostacoli sul percorso
* fino a un'altezza di 210 cm dal piano di calpestio il percorso deve essere libero da ostacoli come segnaletica, insegne e aggetti degli edifici, comprese le installazioni di cantieri
* il percorso esterno deve essere antisdrucciolevole
* il percorso esterno adiacente a zone non pavimentate deve avere un ciglio di altezza minima di 10 cm, con varchi di accesso almeno ogni 10 m di lunghezza.

5. Dislivelli
* i dislivelli fino a 2,5 cm di altezza, seppur consentiti dalla norma, sono comunque da evitare
* dislivelli superiori, fino a 15 cm, devono essere raccordati con rampe di pendenza massima del 15%, e segnalati con variazioni cromatiche
* eventuali contro pendenze devono presentare una somma delle due pendenze non superiore al 22%

SERVIZI IGENICI
E’ importante precisare come l'attuale normativa non imponga più, per il servizio igienico, una forma con dimensioni minime prefissate (si pensi al "vecchio" bagno pubblico di 180 x 180 cm previsto dal D.P. R. 384/78), ma richieda essenzialmente la verifica della fruizione di ogni singolo sanitario. Da ciò consegue una piena libertà delle soluzioni adottabili. Di seguito si riportano quindi le caratteristiche, i minimi dimensionali e gli spazi di accostamento relativi ai sanitari.
1. Caratteristiche e minimi dimensionali dei sanitari vaso e bidet
devono essere preferibilmente di tipo sospeso con sedile non aperto davanti (per il vaso è preferibile anche la cassetta di scarico posta dietro la schiena con funzione di appoggio e pulsante di scarico di grandi dimensioni e di facile azionamento);
devono essere disposti in modo che:
+ l'asse del sanitario abbia una distanza minima di 40 cm dalla parete laterale;
+ il bordo superiore del sanitario abbia un'altezza compresa tra 45 e 50 cm dal pavimento;
+ il bordo anteriore del sanitario abbia una distanza di 75/80 cm dalla parete di fondo;
il vaso deve inoltre essere corredato di un corrimano o maniglione a seconda della distanza laterale dell'asse del sanitario dalla parete. In particolare:
+ se l'asse del vaso è posto a 40 cm dalla parete laterale, deve essere posto un corrimano, fissato a parete e distaccato da questo almeno 5 cm, con un diametro di 3 o 4 cm a un'altezza di 80 cm dal calpestio;
+ per vasi posti a distanza superiore dalla parete laterale, deve essere previsto un maniglione (preferibilmente di tipo ribaltabile) posto a 40 cm dall'asse del sanitario, di altezza e diametro uguali a quelli del corrimano anzidetto;
+ per garantire l'accostamento laterale della sedia a ruote al vaso o bidet deve essere previsto, sul lato opposto al corrimano/maniglione, uno spazio libero minimo di 100 cm misurato dall'asse del sanitario;
+ deve essere previsto un campanello di emergenza, del tipo con cordicella fino a terra, posto in prossimità del vaso;
+ nei casi di adeguamento è consentita l'eliminazione del bidet. A tale riguardo, per ridurre al minimo i trasferimenti sui sanitari, è sempre preferibile riassumere nel vaso la funzione del bidet, con la dotazione di doccetta flessibile a parete e la previsione di scarico a pavimento per la raccolta di acque.
LAVABO

* deve essere di tipo a mensola (senza colonna), con il piano superiore a un'altezza di 80 cm dal pavimento e, preferibilmente, con sifone accostato o incassato a parete;
* per garantire l'accostamento frontale della sedia a ruote al lavabo, deve essere previsto uno spazio libero minimo di 80 cm misurati dal bordo anteriore del sanitario;
* sono preferibili rubinetti con manovra a leva e miscelatore termostatico.
VASCA DA BAGNO
* per garantire l'accostamento laterale della sedia a ruote alla vasca, deve essere previsto uno spazio libero di dimensioni 140 x 80 cm;
* in prossimità della vasca devono essere previsti almeno un corrimano a parete e un campanello di emergenza (del tipo con cordicella);
* sono preferibili rubinetti con manovra a leva e miscelatore termostatico;
* nei casi di adeguamento è consentita la sostituzione della vasca con una doccia a pavimento.
DOCCIA
* deve essere garantito l’accostamento laterale alla doccia;
* la doccia deve essere del tipo a pavimento (sono esclusi piatti doccia con bordi rialzati) e provvista di sedile ribaltabile ed erogatore di tipo a telefono.
2. Servizi igienici accessibili in edifici pubblici o aperti al pubblico.
* le porte devono essere preferibilmente di tipo scorrevole o con aperture verso l'esterno;
* all'interno deve essere prevista la dotazione minima di vaso e lavabo con caratteristiche definite al punto 1) e i relativi spazi per l'accostamento;
* deve essere previsto un campanello di emergenza in prossimità del vaso (del tipo con cordicella fino a terra);i servizi igienici degli alloggi accessibili devono essere attrezzati con corrimano o maniglioni orizzontali e/o verticali posti in prossimità dei sanitari.
i* i servizi igienici devono essere attrezzati con corrimano o maniglioni orizzontali e/o verticali posti in prossimità dei sanitari.
IN PIU’

Limitatamente agli edifici pubblici deve essere previsto almeno un servizio igienico accessibile per ogni nucleo di servizi installati.

RAMPE
1. Dislivelli
* per brevi rampe di raccordo tra percorsi esterni pedonali a livello stradale, o in presenza di passi carrabili, è consentita una pendenza non superiore al 15% per un dislivello massimo di 15 cm;
* non è considerato accessibile il superamento di un dislivello superiore a 3,20 m mediante rampe;
* limitatamente all'interno di impianti ferroviari è consentito il superamento di dislivelli superiori a 3,20 m mediante successione di rampe inclinate;
2. Pendenze e sviluppo
* la pendenza non deve superare l'8%. Sarebbe camunque opportuno previlegiare sempre la pendenza rispetto alla lunghezza adottando valori percentuali inferiori;
* solo nei casi di adeguamento sono ammesse pendenze superiori, fino al 12%, definite in funzione dello sviluppo lineare della rampa;
* ogni 10 m devono essere previsti ripiani orizzontali di dimensioni minime 1,50 x 1,50 m, oppure di 1,40 x 1,70 m (1,40 m in senso trasversale e 1,70 m in senso longitudinale al senso di marcia);
* anche in presenza di interruzioni mediante porte devono essere previsti tali ripiani di sosta, antistanti e retrostanti le porte in aggiunta ai necessari spazi di apertura dell'anta;
* in caso di percorsi pedonali esterni, di norma si devono impiegare pendenze non superiori al 5%, con ripiani di sosta (lunghi almeno 1,50 m) ogni 15 m;
3. Caratteristiche delle rampe
* le rampe devono presentare andamento regolare e omogeneo per tutto il loro sviluppo;
* la larghezza minima deve essere;
* 90 cm per consentire il transito di una persona su sedia a ruote 150 cm per consentire l'incrocio di due persone. Si ritiene comunque preferibile, in special modo per le rampe di accesso agli edifici, una larghezza di 150 cm;
* la pavimentazione deve essere antisdrucciolevole;
* il parapetto deve essere alto almeno 1 m e inattraversabile da una sfera di 10 cm di diametro;
* nel caso il parapetto non sia pieno, la rampa deve avere un cordolo alto almeno 10 cm;
* su entrambi i lati della rampa deve essere disposto un corrimano, di altezza compresa tra 90 a 100 cm; se la rampa è larga piu di 6 m, di norma si deve disporre anche un corrimano centrale. In corrispondenza dei ripiani il corrimano deve essere prolungato per almeno 30 cm;
* è consigliabile disporre un segnale al pavimento (ad es. una fascia in materiale differente) percepibile da parte dei non vedenti, a segnare l'inizio e la fine della rampa.

Info tratte dal (DPR 24 luglio 1996, n. 503) Eliminazione delle barriere architettoniche in spazi pubblici

    Pagina in aggiornamento

Audizioni 2010

 
 
 
Copyryght © 2004-2012 Nausica Opera International - Creative Hosting by Studio Melograno - Parma.
. Add to Google
 
  .